slide1

Questo progetto mira a porre in essere azioni per l’assistenza ed il sostegno delle donne vittime di violenza residenti nel Comune di Reggio e Provincia che subiscono violenza da partner o ex partner nelle relazioni di intimità. Questa violenza presenta dinamiche particolarmente problematiche, pericolose e recidivanti nel tempo, le cui conseguenze possono essere affrontate solo con interventi strutturati, e a lungo termine, a favore dei soggetti oggetto di violenza (donne e minori). Obiettivo del progetto è quello di fornire alla donna, oltre i percorsi di individualizzati di uscita dalla violenza, servizi di supporto per risolvere situazioni di disagio economico, relazionale, sociale. Le richieste esplicitate dalle donne, quando scelgono di intraprendere un percorso di uscita dalla violenza, attengono principalmente al tema della protezione e della sicurezza, della gestione dei figli, dell’autonomia economica, della reperibilità di una casa. Se queste richieste rimandano a bisogni materiali e concreti, i quali possono manifestarsi con livelli di urgenza differenti da caso a caso, sussistono bisogni impliciti e meno tangibili ma altrettanto determinanti nello svelamento della situazione di violenza subita e nella costruzione di un rapporto di fiducia con chi le accoglie: la vergogna, la paura di non essere credute, il senso di colpa. Le donne hanno quindi bisogno di essere sostenute per poter immaginare la loro vita al riparo dalla paura, dall’isolamento e dalla svalorizzazione. I colloqui di accoglienza con le donne, presso il centro antiviolenza, secondo una metodologia basata sulla relazione tra donne, con personale specificatamente formato, sono il punto di partenza di tutte le azioni successive previste da questa proposta progettuale, che prevede il coinvolgimento di altre realtà del territorio. Al centro c’è la donna con a fianco il centro antiviolenza, intorno a lei tutti gli altri soggetti a cui la donna può accedere, autonomamente, seppur sostenuta dal Centro: se, come e quando vuole. In questa visione la centralità viene riconosciuta alla donna e il valore specifico del centro antiviolenza sta proprio nel fatto di affiancarsi a lei, senza indirizzarla necessariamente verso l’una strada o l’altra; nel valore assegnato alla relazione fra donne per uscire dalla violenza; nelle competenze specifiche delle operatrici in materia di violenza; nella conoscenza che esse hanno delle risorse disponibili per farvi fronte. Nello specifico il progetto prevede le seguenti azioni:
1. SUPPORTO MATERIALE
Nei percorsi particolarmente complessi di uscita dalla violenza, in cui assenti o molto scarse sono le risorse a disposizione della donna in termini per esempio di reti familiare, sociale, amicale, conoscenze linguistiche e/o del territorio, povertà economica e/o impoverimento conseguente alla esperienza di violenza, il Centro intende offrire alle proprie utenti, in collaborazione con la rete di servizi a favore delle donne vittime di violenza, pacchi con alimenti, vestiario e beni di prima necessità. Sarà inoltre fornita la possibilità di consumare pasti caldi quotidianamente presso la mensa sociale di una delle associazioni che collabora con il Centro.
2. SEGRETARIATO SOCIALE
Il Centro fornirà informazioni sul complesso dei servizi e delle prestazioni sociali, sanitarie, educative e culturali, sia pubbliche che private, presenti sul territorio. In collaborazione con il centro di assistenza fiscale della rete di servizi creata, provvederà alla compilazione delle domande utili per ottenere bonus sociali. Il servizio utilizzerà i seguenti strumenti:
 Scheda di decodificazione del bisogno sociale della utente;
 mappa delle reti istituzionali;
 mappa dei servizi attivati nel territorio dell'ambito;
 banca dati delle utenti.
3. ATTIVAZIONE DI PERCORSI LABORATORIALI
I laboratori avranno sia una finalità educativo-ricreativa per consentire la sperimentazione delle proprie risorse in un’ottica evolutiva sia una finalità socializzante con altre donne. Tutti i laboratori possono prevedere l’utilizzo di spazi esterni alle strutture del centro antiviolenza, come la sede dell’Associazione Benessere e Salute presso la quale è stato attivato lo sportello interculturale.

La finalità generale del progetto HOPE è rafforzare il sistema integrato di risposte concrete per il sostegno e l’accompagnamento delle vittime ad un percorso di fuoriuscita dalla violenza anche nei confronti di figli/e vittime di violenza assistita, con particolare attenzione alla fase di empowerment femminile e di sviluppo di percorsi di autonomia.

Di seguito i servizi che il Centro offre attraverso il progetto:

SERVIZI MINIMI DI PRESA IN CARICO:

  • Sostegno psicologico
  • Consulenza legale

PERCORSO AUTONOMIA:

  • Counseling mirato all’inserimento e/o reinserimento lavorativo
  • Monitoraggio psico-educativo per le donne in semiautonomia
  • Corsi di formazione professionalizzanti per inserimento e/o reinserimento lavorativo

ASSISTENZA E SOSTEGNO ALLE MADRI VITTIME DI VIOLENZA E AI MINORI VITTIME DI VIOLENZA ASSISTITA:

  • Percorsi di consulenza psico-pedagogica rivolti alle madri vittime di violenza
  • Percorsi psicologici rivolti ai figli vittime di violenza assistita
  •  Laboratori ludico-educativi
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Centro ha avviato un punto di ascolto nella provincia di Vibo Valentia, comune di Ionadi, ed un
altro nella provincia di Reggio Calabria, comune di Condofuri (RC).Volantino_focal_pointvolantino focal point ariel page 0001
Nella Regione calabrese gli stereotipi sessisti ancora condizionano e limitano le relazioni di genere
e tra i generi e sono presenti in ogni ambito ed a qualunque livello, aumentando così atteggiamenti
violenti sulle donne che si sentono sempre più inutili e costrette a vivere col proprio partner violento
perché non indipendenti economicamente, lasciando che i propri figli subiscono a loro volta
violenza anche solo assistendo ai maltrattamenti. Di fronte alla complessità dei bisogni delle
vittime, soprattutto in Calabria, appare necessario la presenza di punti di riferimento in quei territori
dove scarseggiano centri antiviolenza o comunque servizi di supporto per le donne vittime, quei
territori dove ancora la donna è considerata “una proprietà” dell’uomo ed è diffusa la cultura
maschile di supremazia e del dominare.
Presso i FOCAL POINT ARIEL le donne vittime di violenza possono ricevere informazioni
specifiche sui servizi del Centro antiviolenza ed un primo supporto al bisogno di aiuto presentato.
Le utenti che si rivolgono ai punti di ascolto potranno, inoltre, implementare il proprio percorso di
tutela afferendo ai servizi erogati presso la sede principale del Centro Antiviolenza

Accesso Utenti

Questionario anonimo ON-LINE

img questionario

Visitatori

2543